18 GENNAIO 2021, MOSCA

721

Leggi l’articolo originale in lingua russa sul sito della TPP RF a questo link. 

Le Camere di Commercio dei paesi dell’Unione Economica Eurasiatica (UEE) si sono riunite per discutere dello sviluppo della Cooperazione Industriale

Il 18 gennaio 2021, sotto la guida di Dmitry Kurochkin, Vicepresidente della Camera di Commercio e Industria della Federazione Russa (TPP RF), si è tenuta la seconda riunione del Gruppo di lavoro per la Cooperazione Industriale presso l’Organo Consultivo delle Camere degli Stati membri dell’Unione Economica Eurasiatica (UEE).

In apertura di riunione, Kurochkin ha informato che da quando a luglio 2020, a seguito di una riunione dell’Organo Consultivo delle Camere degli Stati membri dell’UEE, si è deciso di creare un gruppo di lavoro congiunto, ciascuna delle camere partecipanti ha portato avanti numerose attività in questo senso. Inoltre, un appello congiunto è stato inviato al Presidente del Consiglio di Amministrazione della Commissione Economica Eurasiatica (CEE) Mikhail Myasnikovich sull’importanza di sviluppare questo argomento per lo sviluppo della cooperazione economica eurasiatica.

Con il supporto della CEE, il 14 dicembre 2020 si è tenuta una conferenza internazionale sugli strumenti per sostenere i progetti di Cooperazione Industriale nell’UEE. In conformità con il paragrafo 3 della risoluzione della conferenza CEE, sono state inviate lettere ai dipartimenti settoriali delle parti dell’Unione con la richiesta, insieme alle Camere, di preparare informazioni sull’elenco dei progetti di cooperazione, per la cui attuazione sarebbe opportuno utilizzare strumenti di sostegno.

Le questioni del finanziamento preferenziale dei progetti cooperativi sono state analizzate durante una riunione tenutasi on line lo scorso 13 gennaio 2021 tra il Presidente della Camera di Commercio e Industria della Federazione Russa  (TPP RF) Sergei Katyrin, il Ministro dello Sviluppo Economico della Federazione Russa Maxim Reshetnikov ed il Presidente del Consiglio di Amministrazione della Banca Eurasiatica di Sviluppo (EDB) Nikolay Podguzov.

Come ha osservato Dmitry Kurochkin, per il prossimo periodo l’obiettivo principale è quello di riferire le proposte concordate (anche con le autorità governative nazionali) al Presidente del Consiglio di Amministrazione della CEE Mikhail Myasnikovich per la successiva presentazione della questione ad una riunione del Consiglio Intergovernativo Eurasiatico.

La questione principale all’ordine del giorno è stata una discussione dettagliata delle proposte congiunte delle Camere dell’UEE per il finanziamento di progetti di cooperazione ed il sostegno della domanda di prodotti industriali. La posizione della TPP RF sulla tabella riassuntiva delle proposte è stata presentata dal membro del Consiglio per lo Sviluppo Industriale e la competitività dell’economia russa della TPP RF Anastasia Astakhova. Il Capo del dipartimento legale della Camera del Commercio e dell’Industria Bielorussa Vitaly Vabishchevich, il Presidente dell’Associazione delle imprese dell’industria leggera della Repubblica del Kazakistan Lyubov Khudova ed il Capo del dipartimento di sviluppo della Camera del Commercio e dell’Industria della Repubblica del Kirghizistan Rustamzhan Baltabaev hanno presentato proposte dalle Camere dei paesi dell’UEE.

Commentando le proposte, Vladimir Gamza, Presidente del Consiglio della TPP RF per la politica finanziaria, industriale e di investimento, ha osservato che l’analisi dello status giuridico della Banca Eurasiatica di Sviluppo (EDB) ha confermato che quest’ultima dispone effettivamente di capacità finanziarie e strumenti per il finanziamento di progetti agevolati. In particolare, la EDB è la società che gestisce il Fondo Eurasiatico per il sostegno e lo sviluppo. In questo caso, le decisioni sulla fornitura di finanziamenti agevolati possono essere prese dal Consiglio EDB in modo indipendente.

Durante la discussione, Dmitry Kurochkin ha osservato che la TPP RF sostiene la posizione espressa dal Capo del Dipartimento Legale della Camera del Commercio e dell’Industria Bielorussa Vitaly Vabishchevich sullo sviluppo di criteri per i progetti di cooperazione ed il loro consolidamento nel quadro normativo UEE. L’approccio puramente “basato su progetti” offerto da alcune istituzioni di sviluppo non può fornire condizioni di parità per il finanziamento delle imprese. Pertanto, è necessario sviluppare ed approvare le condizioni di base generali per il finanziamento agevolato, formando contemporaneamente un elenco di progetti specifici delle imprese nell’UEE.

Lyubov Khudova, Presidente dell’Associazione delle Imprese dell’industria leggera della Repubblica del Kazakistan, ha affermato che attualmente si sta svolgendo un grande lavoro con le imprese del paese per trovare progetti di cooperazione e ha anche informato sulle proposte di cooperazione delle imprese dell’industria leggera precedentemente inviate all’UEE.

Inoltre, i membri del gruppo di lavoro hanno discusso le possibilità di copertura pubblica delle attività delle imprese dei paesi dell’UEE nell’attuazione di progetti di cooperazione. Come ha osservato Dmitry Kurochkin, la presenza nello spazio pubblico di informazioni sullo sviluppo dell’integrazione e sui risultati specifici dei progetti in corso non è meno importante per il lavoro giornaliero degli esperti. I partecipanti alla riunione hanno scambiato proposte sulle possibilità di copertura pubblica dei temi della cooperazione industriale nei media. Alla discussione ha preso parte anche Alexander Shkirando, Direttore del Centro per le relazioni pubbliche e i mass media della TPPRF.

Le proposte consolidate delle Camere dei paesi dell’UEE saranno prese in considerazione il 22 gennaio 2021 come parte dell’incontro “Misure per sostenere progetti cooperativi e stimolare la domanda di prodotti UEE – come fornire finanziamenti agevolati all’EDB”, al quale parteciperanno rappresentanti di comitati industriali e consigli della TPP RF, della Commissione Economica Eurasiatica, della Banca di Sviluppo Eurasiatico, delle Camere e delle imprese industriali dei paesi dell’UEE.

Dipartimento
per le Relazioni con le Associazioni Imprenditoriali

N. Soldatova