23 NOVEMBRE 2015

545

gianni origoni

Speciale: La nuova legge sugli investimenti a Mosca

 A cura di Eugenia Podmareva
Consulente Legale della Camera di Commercio Italo-Russa
Consulente Studio Legale Gianni Origoni Grippo Cappelli Partners

Il 7 ottobre 2015 è stata approvata la legge n. 54 “Sulla politica di investimento del Comune di Mosca e sul sostegno alle attività di investimento” (“legge n. 54/2015”) che entrerà in vigore il 1° gennaio 2016, con la quale l’autorità regionale della città di Mosca intende creare i presupposti per cooperare con gli investitori stranieri.

origoniNelle attuali condizioni di instabilità politica ed economica del Paese, per permettere lo sviluppo dell’economia e garantire la stabilità sociale sono necessarie misure mirate alla stabilizzazione delle attività di produzione e al supporto della politica di sostituzione delle importazioni, nonché la creazione di un sistema per attirare nuove risorse.

Per raggiungere gli obiettivi sopraelencati, con l’Ordinanza del 27.01.2015 n.98-р, il Governo della FR ha approvato un piano delle misure da intraprendere per garantire la crescita e lo sviluppo economico e sociale del Paese.

La risoluzione del governo di Mosca del 10 febbraio 2015 n. 40-PP ha approvato un piano di sviluppo economico sostenibile per garantire la stabilità sociale della città di Mosca nel 2015: vengono fornite una serie di misure per implementare l’attività economica nella città.

Il paragrafo 19 del Piano prevede lo sviluppo di meccanismi per minimizzare i rischi relativi all’organizzazione di nuove unità produttive.

Il progetto di legge è stato sviluppato in attuazione del paragrafo 19 del Piano, così come in risposta alla richiesta del sindaco Sergei Sobyanin, fornita in una riunione del governo di Mosca il 24.02. 2015.

La legge n. 54/2015 è stata predisposta al fine di consolidare le forme economiche di sostegno statale per gli investitori russi e stranieri che attuano i progetti prioritari per la città.

L’art. 1 della legge n. 54/2015 stabilisce, infatti, i seguenti obiettivi per la politica della città di Mosca e per il supporto governativo agli investitori stranieri:

  • la creazione, sul territorio della città di Mosca, di un contesto favorevole per gli investimenti;
  • l’aumento quantitativo degli investimenti;
  • l’attrazione e l’uso, nell’economia della città, delle nuove risorse materiali e finanziarie, delle attrezzature e delle tecnologie avanzate;
  • la gestione e la creazione di nuovi posti di lavoro;
  • la garanzia di stabilità per l’attività imprenditoriale degli investitori stranieri e locali;
  • la creazione delle condizioni favorevoli per la sostituzione delle importazioni.

 

Il Ministro del governo di Mosca, responsabile del dipartimento di politica economica e dello sviluppo, nonché promotore della legge in questione, Maxim Reshetnikov, ha specificato che essa non riguarderà tutti gli investimenti, ma soltanto quelli a lungo termine e quelli volti alla creazione di posti di lavoro altamente qualificati[1].

L’art. 2, comma 2 della legge esclude il settore della produzione di alcool e dei suoi derivati, il settore della produzione di tabacchi ed il settore edile (ad es. costruzione di appartamenti, uffici, alberghi e centri commerciali), nonché il settore bancario ed assicurativo.

La nuova legge ha previsto un sistema per l’individuazione dei progetti di maggiore interesse per la capitale basato sul conferimento dello status di “progetto prioritario d’investimento nella città di Mosca”. Tale status avrà una durata massima di 10 anni (art. 6, comma 5) e la decisione sulla sua concessione verrà adottata dalla Commissione Interministeriale del Governo di Mosca, ovverosia la stessa Commissione che attualmente delibera sulla concessione dello status dei parchi industriali e tecnologici e sulla concessione di tutti i benefici correlati.

Ai sensi dell’art. 6, fra i criteri necessari al riconoscimento figurano:

  • l’ammontare complessivo degli investimenti;
  • la creazione dei posti di lavoro altamente qualificati;
  • la creazione di nuove unità produttive indirizzate alla politica della sostituzione delle importazioni;
  • la destinazione prioritaria dell’investimento al settore industriale (come attualmente definito dal Governo di Mosca: www.investmoscow.ru).

 

Inoltre, la legge prevede un’ampia serie di agevolazioni di natura tributaria a supporto degli investitori, fra cui, in particolare, vanno segnalate le previsioni di cui all’art. 8:

  • riduzione dell’imposta sul reddito (che diventa la più bassa in base alla vigente legislazione della Federazione Russa), dal 18% al 13,5%;
  • riduzione a zero dell’imposta sulla proprietà delle imprese;
  • riduzione fino al 10 per cento dell’imposta sull’affitto dei terreni;
  • pagamento rateizzato sia dell’imposta sui terreni che di quella sul cambio della destinazione d’uso dei terreni;

 

origoni 2Sempre sotto il profilo tributario, l’art. 9.3 è intervenuto con un’ampia riforma del regime delle perdite. Infatti, viene ora garantita agli investitori la compensazione di tutte le perdite, in caso di:

  • nazionalizzazione e confisca della proprietà;
  • cessazione o limitazione dei diritti sui terreni ed altre restrizioni sulle società immobiliari a seguito di azioni delle autorità di Mosca;
  • cambiamenti sfavorevoli agli investitori nella legislazione sull’impiego del capitale;
  • azioni illegali da parte dei funzionari della città di Mosca.

La compensazione delle perdite verrà riconosciuta nel caso in cui il periodo di ammortamento degli investimenti aumenti di più di 18 mesi rispetto al termine previsto nel progetto iniziale d’investimento. Inoltre, verrà altresì riconosciuta la compensazione delle perdite in caso di aumento del valore complessivo dell’investimento di oltre il 20% rispetto al progetto iniziale.

La legge prevede anche le agevolazioni e il supporto aggiuntivo, come ad esempio le sovvenzioni a carico dello stato, il supporto finanziario dai vari fondi, gli investimenti pubblici nelle infrastrutture dei parchi tecnologici e industriali e l’aggiudicazione dei terreni senza asta.

La l. n. 54/2015 costituisce una riforma senz’altro importante che dovrebbe migliorare il panorama legislativo delle forme di supporto governativo agli investimenti.

Infatti, le norme relative al sostegno governativo sono mirate a proteggere i diritti e gli interessi degli investitori che realizzano grandi progetti a Mosca: il provvedimento va nella direzione di creare i presupposti per la formazione di un quadro giuridico chiaro e stabile a tutela degli investimenti, e così al fine di contribuire a mantenere ed aumentare gli investimenti a Mosca.

Non solo: l’obiettivo è anche quello di attirare nell’economia locale sia risorse finanziarie supplementari, sia tecnologie e macchinari all’avanguardia, oltre all’esperienza gestionale degli operatori stranieri.

  • Con l’approvazione della nuova legge, dunque, si renderanno necessarie le modifiche e gli opportuni coordinamenti alle seguenti leggi adottate dalla città di Mosca:
  • Legge n.21 del 16.06.1999 “Sull’attività industriale nella città di Mosca”;
  • Legge n.64 del 05.11.2013 “Sull’imposta sulla proprietà delle società”;
  • Legge n. 74 del 24.11.2004 “Sull’imposta sui terreni”;
  • Legge n. 2 del 23.01.2013 “Sull’imposta sul reddito dei parchi industriali e dei tecno-parchi”.

—————————————————————–
[1]  http://m.rg.ru/2015/06/16/investicii-site.htm l (Rossiyskaya Gazetta-quotidiano russo).