MOSTRA KANDINSKY: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE

752


Sono lieti di presentare la Mostra:

KANDINSKIJ. Il cavaliere errante.
In viaggio verso l’astrazione.

Mudec, Milan
15 marzo 2017 – 9 luglio 2017

Dal 15 marzo al 9 luglio 2017 presso il MUDEC (Museo delle Culture – Via Tortona, 56, 20144 Milano) si terrà la mostra “Kandinskij. Il cavaliere errante. In viaggio verso l’astrazione.”

L’evento espositivo, di rilievo internazionale, sarà dedicato al pittore Wassily Kandinsky, uno degli artisti russi più influenti di tutto il Novecento che con il suo astrattismo ha rivoluzionato il concetto stesso di espressione dell’arte.

La mostra, organizzata da 24 ORE Cultura con il contributo di aziende quali Deloitte, Lavazza, Canon, Trenitalia, Coop, LaRinascente e NHotels, ha ricevuto il patrocinio dell’Ambasciata della Federazione Russa nella Repubblica Italiana, del Consolato Generale della Federazione Russa a Milano e della Camera di Commercio Italo-Russa.

Un artista “iniziale”
A ridosso del centocinquantenario della nascita dell’artista (2016), occasione che ha determinato un certo numero di rassegne anche ampie sulla figura e l’opera di Vasilij Kandinskij, MUDEC Milano ha avvertito a sua volta l’esigenza di dedicare una mostra a uno degli artisti più influenti di tutto il Novecento, che con il suo astrattismo ha rivoluzionato buona parte della successiva ricerca espressiva nel mondo. Come ha opportunamente notato Harald Szeeman, «I gesti iniziali del nostro secolo – come li chiamo io – sono i quadri di Malevic, il “caos” di Kandinskij, Mondrian e la piccola valigia di Duchamp».

Una mostra site specific
Quella del MUDEC è però una mostra insolita, per molti aspetti innovativa e in un certo senso “site speci-fic”. Tanto l’approccio quanto l’articolazione risultano infatti legati all’intima vocazione del museo: il suo rapporto tra arte e scienze, gli interessi etnografici, la metafora del viaggio come avventura cognitiva. Sono tutti aspetti che il pittore russo ha sperimentato personalmente, rivelando il proprio interesse per un approccio scientifico alla natura e alla realtà, per le esplorazioni, per il viaggio come cifra inquieta e riassuntiva della sua stessa esistenza. Come ha ribadito nella sua autobiografia, tra arte e scienza sussiste un preciso rapporto di complementarietà/compensazione. In lui, moscovita di nascita, si mescolavano i geni russi e tedeschi dei suoi genitori, e quelli degli avi, provenienti dalla Siberia Orientale. Apparteneva a una famiglia colta e intellettuale, aveva fatto il liceo classico e sin da piccolo aveva preso lezioni di piano, di violoncello e di disegno. Negli anni universitari frequenta la facoltà di giurisprudenza, ma si interessa con una certa passione all’etnografia, cercando di avvicinarsi, in accordo con la generale temperie simbolista della sua epoca, alle radici profonde della propria cultura.

Il Mudec –Museo delle Culture nasce da sito di archeologia industriale a centro delle culture, grazie all’intuizione del progettista inglese David Chipperfield, che ne ha firmato il progetto architettonico. L’idea su cui si fonda il progetto di Chipperfield è quella di valorizzare gli spazi di connessione fra i diversi blocchi, creando una piazza coperta centrale, la cui sagoma polilobata emerge al di sopra dei volumi del Museo come fosse un moderno tamburo, realizzata in vetro opalino e con una struttura portante in acciaio.
Con i suoi 8600 mq di superficie distribuiti su tre livelli oltre ai due piani interrati, il complesso è composto da un insieme di corpi di fabbrica modulari ed ospita le collezioni permanenti di arte extra-europea del Comune di Milano e la Wunderkammer Settala.
Nell’edificio è inoltre presente un’area espositiva per le mostre temporanee di 1350 mq, un auditorium polifunzionale, aule didattiche, depositi, uno shop, un bar bistrot, un’area ristorante-eventi, un ampio parcheggio.

(Fonte: Ufficio Stampa 24 ORE Cultura)

La Camera di Commercio Italo-Russa segnala alle aziende operanti sul territorio italiano e russo interessanti opportunità di collaborazione e di visibilità nell’ambito della mostra.

Scarica la locandina della mostra.

Per maggiori informazioni a riguardo vi invitiamo a contattare:
Camera di Commercio Italo-Russa
E-mail eventi@ccir.it
Tel.: +39 02 86995240

Visita il sito ufficiale della mostra.
Clicca qui per acquistare il biglietto.