FEBBRAIO-NOVEMBRE 2019

1375

AGROCOMP:
Opportunità di ospitare stakeholder kazaki e uzbeki DEL SETTORE AGROALIMENTARE presso la propria azienda

 

La Camera di Commercio Italo-Russa è lieta di segnalare ad aziende e organizzazioni italiane l’opportunità di ospitare stakeholder kazaki e uzbeki del settore agroalimentare nell’ambito del progetto “AGROCOMP – Value chain competitiveness of agro-business & food processing SMEs through sustainable development and eco-innovation in Uzbekistan and Kazakhstan”, avente come obiettivo generale lo sviluppo del settore privato in Asia Centrale, con particolare attenzione alla crescita e all’espansione delle piccole e medie imprese.

 

PROGETTO 

Il progetto vede come ente capofila Formaper – Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi – ed è finanziato dall’Unione Europea all’interno del programma “Central Asia Invest IV – Boosting Small Businesses Competitiveness“.

 

Il consorzio guidato da Formaper è cosi formato: Camera di Commercio e Industria dell’Uzbekistan (Tashkent, Uzbekistan); Association of Commercial and Industrial Enterprises of Almaty (ACIE)/ex Camera di Commercio e Industria di Almaty (Almaty, Kazakistan); Chamber of Commerce of Karaganda Region (Karaganda, Kazakistan); Association of business women of Zhambyl Region” (Taraz, Kazakistan). Oltre a quattro partner ufficiali il progetto prevede un ampio coinvolgimento di una rete istituzionale di Business Intermediary Organizations (BIOs) di entrambi paesi beneficiari provenienti da sei regioni pilota: Tashkent e Regione di Tashkent; Repubblica di Karakalpakstan (Nukus); Regione di Namangan (Namangan) in Uzbekistan; Almaty e provincia; Regioni di Zhambyl (Taraz) e Karaganda in Kazakistan.

 

Al fine di raggiungere i risultati attesi, le varie attività progettuali prevedono il diretto coinvolgimento di numerosi stakeholder kazaki e uzbeki, accuratamente selezionati in rappresentanza delle autorità e amministrazioni regionali, provinciali e municipali, associazioni di categoria, reti imprenditoriali, società di consulenza a supporto dell’impresa, organizzazioni della società civile, ecc.

 

PROGRAMMA

Tra febbraio e novembre 2019 i dirigenti e responsabili kazaki e uzbeki parteciperanno a Visite Studio istituzionali, Twinning istituzionali e Stage in Italia e UE, che offriranno sia a loro in prima persona che alle aziende e organizzazioni ospitanti la preziosa opportunità di fare networking e acquisire nuovi contatti d’affari, scambiare know-how, sviluppare e ampliare le proprie conoscenze sui mercati esteri.

 

Le attività a cui è possibile candidarsi per ospitare i delegati kazaki e/o uzbeki sono le seguenti:

 

1. VISITE STUDIO – febbraio/marzo 2019  _  RACCOLTA ADESIONI CHIUSA

Visite di massimo mezza giornata cad. presso aziende e organizzazioni italiane per analizzare determinati temi e studiare le buone prassi.

 

2. TWINNING _  RACCOLTA ADESIONI CHIUSA

Programmi di gemellaggio della durata di 4 giorni lavorativi, che prevedono l’affiancamento di uno stakeholder ad un tutor all’interno dell’azienda italiana per lo studio e l’approfondimento  di specifiche tematiche:

 

3. STAGE

Stage di 7 giorni lavorativi svolti dai partecipanti uzbeki e kazaki presso altrettante aziende:

 

Segnaliamo che tutti i costi relativi al soggiorno in Italia dei partecipanti attesi sono a carico del progetto.

 

TEMI SPECIFICI DI INTERESSE

I temi e settori specifici di interesse degli stakeholder partecipanti sono i seguenti:

  • progettazione e erogazione dei servizi per le PMI del settore agroalimentare (agricoltori, imprenditori, giovani, donne, ecc.);
  • reti istituzionali a supporto del settore agroalimentare;
  • programmazione e sviluppo;
  • competitività delle filiere;
  • valorizzazione del territorio;
  • internazionalizzazione, marketing e export promotion;
  • innovazione e sostenibilità nell’industria dei processi alimentari;
  • know-how e buone prassi nello sviluppo ecosostenibile, smaltimento dei rifiuti in agricoltura, energie rinnovabili e green financing;
  • agricoltura biologica;
  • tecniche sostenibili per la bonifica dei terreni inquinati (uso delle piante);
  • cooperative agricole;
  • sanità, qualità e certificazione del cibo: gestione, monitoraggio e assicurazione;
  • allevamento degli ovini;
  • lavorazione della lana, pelle e pellame;
  • pescicoltura di allevamento (produzione e commercializzazione);
  • coltivazione di grano duro;
  • orticoltura (coltivazione e distribuzione delle specie autoctone come mele, meloni, ecc.);
  • vinificazione;
  • filiera agroalimentare della carne;
  • filiera agroalimentare dei prodotti caseari.

 

MODALITÀ DI ADESIONE

Le aziende interessate ad ospitare gli stakeholder kazaki e uzbeki in una o più delle fasi progettuali sono pregate di compilare il modulo di adesione e restituirlo all’indirizzo jessica.fusi@ccir.it.

 

PRESS

MANFREDONIA NEWS – 24 luglio 2019

Gal Daunofantino partner del progetto “Agrocomp”. In Puglia Stakeholder uzbeki incontrano le aziende pugliesi del settore agroalimentare

 

LIBERTA’ – Piacenza, 25 luglio 2019

Dall’Uzbekistan per fare affari con nostre aziende.

 

Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

 

CONTATTI
Per eventuali richieste di chiarimento e ulteriori informazioni rivolgersi a:

CAMERA DI COMMERCIO ITALO-RUSSA

Ref. Jessica Fusi

Tel. +39 02 86995240 – E-mail: jessica.fusi@ccir.it